Pagine

martedì 12 marzo 2013

Dove c'è Barilla, c'è casa!

In casa Barilla è tempo di cambiamenti. I coniugi Barilla stanno arredando casa nuova, con inevitabili e interminabili giri all'Ikea.
Sabato scorso hanno fatto gli acquisti più consistenti e con furgone a noleggio hanno portato il tutto nella nuova casa; era da gennaio che non li vedevamo, quindi abbiamo dato loro rifugio dopo la riconsegna del furgone. Gli accordi sono andati più o meno così: "Siamo stanchi morti e non facciamo in tempo a passare da casa per farci una doccia, quindi massimo alle 23 ce ne andiamo. Ci volete lo stesso?"

Lordbug fuorionda: "Beh, quindi sull'aspetto igienico non ci sarà molta differenza rispetto al solito, e in più alle 11 si levano dalle balle contro le 2 del mattino quando sono freschi e riposati e dobbiamo spingerli a forza fuori dalla porta".
Inutile dire che abbiamo accettato.
Che carini, sono felicissimi della casa nuova e non vedono l'ora di invitarci a vederla. Quello che bisogna capire, accettiamo scommesse, è se ci sarà un periodo in cui la casa sarà a posto... Visto che quella attuale è passata senza soluzione di continuità dagli scatoloni allo stato di abbandono igienico. Senza soluzione di continuità nel senso che gli scatoloni sono rimasti e in più, ovviamente, hanno accumulato sporcizia.

Per darvi un'idea, i vetri e le mensole non vedono uno straccio da quando Mrs. Barilla era incinta e aveva una signora che andava ad aiutarla con i mestieri: nata la bambina, la signora è stata defenestrata perchè ovviamente avrebbe arrecato disturbo nel delicato momento dell'allattamento. L'aspirapolvere, si sa, fa male al rapporto madre-figlia. Ecco, la bambina ha compiuto 3 anni a gennaio. Fatevi due conti e immaginate cosa non c'è in quella casa.
Io sono probabilmente esagerata all'opposto, ma vi giuro che in una casa del genere non solo non potrei mai vivere, ma anche se dovessi passarci più di 3 ore per volta finirei con l'afferrare uno straccio... Solo che ormai l'impresa è così titanica che l'unica cosa utile da fare con lo straccio sarebbe quella di bendarsi per non vedere.

Questa casa che lasciano, peraltro, è di proprietà della mamma di lei, la quale vorrebbe affittarla ammobiliata una volta che loro si saranno trasferiti. Bisogna solo vedere se le muffe sulle pareti saranno d'accordo a pagare l'affitto. Penso che le trattative siano già in corso.

Ps. Vi prego di notare la finezza nella scelta dell'immagine del post, evocativa del Barilla-trasloco.

6 commenti:

  1. Scusa ma i Barilla non sono quelli che sterilizzano l'inverosimile per la pupa?! Che usano la fisiologica nelle fiale usa e getta?! E poi la fanno vivere nella zozzezza?! Certo che il mondo è strano eh! :-D

    RispondiElimina
  2. Ma te la porti la mascherina sì? :D

    RispondiElimina
  3. Ma certo che le persone sono fantastiche e ce vivono scisse da loro stesse! Come igienizzanti a gogo e poi fai respirare sporcizia e muffe di sicuro alla bambina che sono cause di allergie e annessi e connessi?! Mah! Evviva la faccia!

    RispondiElimina
  4. il fatto che ci si auto-inviti denota una certa sporca sicurezza che non mi farà decisamente dormire sonni sereni...

    RispondiElimina

Dimmi cosa ne pensi!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...