Pagine

martedì 19 luglio 2011

Due decaloghi fanno un ventalogo?

Dieci cose da fare quando il capo, a due mesi dalla scadenza del tuo contratto, ti fa un lungo discorso sulla crisi economica e ti chiede se il fidanzato almeno lavora:
1. sorridere e mostrare una serenità degna del Dalai Lama;
2. in caso di desiderio incontenibile di ululare alla luna, fatelo in bagno, avendo cura di verificare che l'Amministratore Delegato sia fuori sede;
3. comprare immediatamente una vagonata di Philadelphia Milka, Nutella e qualsiasi altro "comfort food" sia necessario per assorbire il colpo;
4. aggiornare il curriculum;
5. inviare il curriculum a qualsiasi società ti venga in mente, e rispondere a TUTTI gli annunci, in modo da prendere i selezionatori per sfinimento;
6. se necessario, crearsi fama di "stalker-di-cacciatore-di-teste";
7. se ancora non lo si è fatto, aprire un blog per condividere il momento con gli altri precari della rete e raccogliere suggerimenti su nuovi "comfort food transgenici" non ancora testati;
8. infilare un curriculum anche sotto la porta del Tortellini, che non si sa mai;
9. spacciare gli inevitabili tic nervosi sopravvenuti per "la moda dell'estate 2011": lo spasmo muscolare incontrollato è figo;
10. indossare guanti di gomma 24/7 per evitare di mangiarsi le unghie, arrivando così ai prossimi colloqui perfettamente in ordine.


Dieci cose da NON fare quando il capo, a due mesi dalla scadenza del tuo contratto, ti fa un lungo discorso sulla crisi economica e ti chiede se il fidanzato almeno lavora:
1. buttarsi per terra ai suoi piedi e singhiozzare aggrappati alla sua caviglia. Un po' di dignità, per l'amor del cielo!
2. sacramentare in tutte le lingue e ululare insulti diretti ai vertici aziendali accovacciati fuori dalla porta dell'AD;
3. ingozzarsi di taralli alla cipolla ricoperti di nutella o di Philadelphia Milka;
4. impiastrare il curriculum di nutella e chiazze d'unto e presentarlo come "Curriculum aggiornato" ai colloqui che seguiranno;
5. pedinare il cacciatore di teste che ti aveva trovato il posto di lavoro a progetto;
6. minacciare di morte o di rivelare alla moglie la presenza di una vera o presunta amante, il suddetto cacciatore di teste;
7. tendere agguati sulle scale al Tortellini e spaventargli il pupo;
8. tappezzare la porta di casa del Tortellini di copie del curriculum unte e sporche di nutella e Philadelphia Milka;
9. riempire il blog di post piagnucolosi sulle sfighe della vita;
10. mangiarsi le unghie fino al gomito e poi chiedere al capo o al cacciatore di teste (secondo la situazione) se vogliono favorire.

Ovviamente questo post NON è autobiografico.

9 commenti:

  1. Post meraviglioso...Io sono alle fasi 3,4 e 5 delle cose da fare!!!ma evito la Milka!!!!

    RispondiElimina
  2. Io visiono i curriculum che arrivano in cooperativa da noi. Ti giuro che, se mi arrivasse un curriculum unto di nutella, io lo convocherei, il candidato.
    Solidarietà totale.

    RispondiElimina
  3. Meglio segnarsi queste cose in vista di un futuro lavorativo piuttosto scarso!
    Un bacione

    RispondiElimina
  4. ahaha mio dio io non so che fare a parte la philadelphia milka le ho fatte tutte credimi, ma non mi degnano nemmeno di una risposta!!
    Però la cosa migliore che potessi fare è stato aprire un blog e conoscere Voi ahahah non mi sento più sola e sfigata, lavorativamente parlando!!!

    RispondiElimina
  5. Infatti Marianna! Almeno ci teniamo alto il morale tra noi. :P
    E comunque mi state convincendo a ricoprire il curriculum di uno strato di Milka. E al posto della foto ci metto anche la mucca lilla. LOL.

    RispondiElimina
  6. @ El gae: scusa la mail della coperativa? no perchè come ungo io i fogli di carta nemmeno le patatine del Mac Donald!!!

    RispondiElimina
  7. secondo me chiedergli se vuole favorire è un bel gesto.

    RispondiElimina
  8. @ sulsecondobinario :D :D :D

    RispondiElimina
  9. Ahahah, post fantastico... tragi-comico direi... Comunque secondo me fare la stalker giova: se sai rompere le palle come si deve farai sempre strada!! :-D
    Ha ragione Marianna, i nostri blog sono ciò che ci salva!!! ;-)

    RispondiElimina

Dimmi cosa ne pensi!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...