Pagine

giovedì 11 aprile 2013

La fatina del cucito

Nonostante la scarsissima presenza di fede cristiana in casa Bugs e l'assoluta anticlericità, io e Lordbug siamo sempre stati d'accordo sul battesimo. Non tanto per la convinzione di dover mondare Babybug dal "peccato originale" (è sempre quello il motivo per cui ci si battezza, sì?), quanto perchè comunque è un bel rituale che in ogni caso appartiene culturalmente, se non ideologicamente, alle nostre famiglie.
Insomma, è una bella occasione anche per far conoscere il nuovo arrivato a parenti e amici che non l'hanno ancora visto, e per riunire le persone a cui vogliamo bene.

La chiesa prescelta è quella vicina a casa della Regina Madre, e un paio di settimane fa siamo andati a conoscere il parroco. 
No, non siamo sposati.
Sì, certamente ci sposeremo in comune in Piemonte in chiesa. A Bari. L'anno prossimo.
Ah dobbiamo fare tre incontri con una catechista, più il quarto il sabato prima del battesimo con lei? Ok...
Il primo incontro con la catechista è domani sera. Venerdì. Alle 21. Stiamo già iniziando ad espiare.

Per quanto riguarda i vari accessori, io ero decisissima a tralasciare sia inviti che bomboniere. Poi abbiamo affrontato il discorso col gruppo delle mamme, e così mi è partito il trip delle bomboniere. Ho guardato un po' in rete, e mi sono resa conto che la bomboniera è l'oggetto che per definizione vive sul confine tra meraviglioso e orrido. Nel senso che proprio lo stesso oggetto, che a prima vista ti fa esclamare "MA CHE CARINO!", nel giro di dieci secondi ti può portare al "MAMMA MIA CHE ORRORE". Per di più con dei prezzi assurdi.
Sta a vedere che manco volevo farle le bomboniere e ora ci spendo 500 euro più i confetti. Ma non se ne parla proprio.
Però il trip persisteva.
Alla fine ho scovato dei gufetti di feltro veramente graziosi, fatti a mano da qualche blogger ispirata... Ho trovato pure le sagome da ritagliare e mi sono detta: "blogger son blogger, ora mi ispiro ed è fatta!". Mi sono fiondata in merceria per comprare il feltro colorato, ago e filo e via. I risultati non sono male, vi metterò presto qualche foto... Ma prima di procedere alla produzione massiva, ho sottoposto il prototipo al giudizio di Lordbug, Mamma e Regina Madre, con azioni a sorpresa per valutare sia il primo impatto sia il giudizio successivo: Lordbug inizialmente era il più scettico, diciamo che ha passato un paio di giorni a dirmi che tutto sommato qualche bomboniera potremmo anche permetterci di comprarla (trad. ti prego non rifiliamo porcherie agli ospiti), ma col tempo lo sto conquistando. Mamma è stata sinceramente contenta, anche se non si è ancora fatta una ragione della facilità con la quale si possono ritagliare i cerchi per gli occhi, e la Regina Madre ha riconosciuto i suoi cromosomi sartoriali e si è commossa.
O meglio, ripeteva "E' commovente, è commovente" ma non ha versato nemmeno una lacrima.

Comunque ho considerato il test superato e son passata alla produzione. Al momento dissemino la casa di ritagli di feltro colorati e la scatola del cucito non è mai stata così utilizzata come in questi giorni. Oggi pomeriggio faccio pure una puntata in merceria per scegliere nuovi colori.

La fatina del cucito si è impossessata di me.
Aiuto.

3 commenti:

  1. Ciao! Seguo il tuo blog da un po' e mi piace molto. Ho pensato a te per questo "regalo", dai un'occhiata qui:
    http://giri-di-giostra.blogspot.it/2013/04/ho-vinto-1.html

    Monica :-)

    RispondiElimina
  2. concordo con la vostra scelta, bravi ;)
    poi al massimo quando sarà "grande" valuterà da solo se proseguire questa strada oppure no!

    ...e poi , significato a parte, è anche una bella occasione per festeggiare!!
    aauguri ragazzi!

    RispondiElimina
  3. foto foto! Claudia

    RispondiElimina

Dimmi cosa ne pensi!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...